Festival 2013

navigli-acqua-festival-origami-boat

Una barchetta di carta è il simbolo di FAN – Navigli Acqua Festival. Nella sua semplicità essa evoca l’ACQUA, l’elemento che il Festival vuole celebrare, e l’esperienza che un po’ tutti prima o poi abbiamo fatto di dare forma alla nostra creatività, piegando pazientemente i lembi di un foglio di carta.

Per i nostri Navigli, la barchetta è memoria storica legata ai barconi che solcavano, carichi di merci e passeggeri, le sue acque ma anche immagine presente e futura se pensiamo alla navigazione turistica e alla Darsena riqualificata, in vista di EXPO 2015, nel nuovo porto turistico della città di Milano.
In uno solo simbolo ritroviamo l’essenza delle vie d’acqua, elementi di connessione/trasformazione di un territorio e della sua Geocomunità, e l’espressione più genuina della fantasia, dell’arte che il laboratorio FAN vuole ricreare lungo i Navigli.

Noi di Navigli Lombardi abbiamo un solo obbiettivo: valorizzare i Navigli e il loro territorio.
E’ in teoria un mestiere facile, perchè nel Sistema Navigli abbiamo un patrimonio culturale che non teme confronti, fatto di beni monumentali di grande pregio artistico e storico (gli stessi Navigli lo sono) ed anche di culture immateriali costruite in secoli di tradizione, abbiamo un paesaggio variegato e in alcuni tratti, impossibile da immaginare a così pochi chilometri dalla metropoli, abbiamo mille diversi percorsi storici, culturali, ambientali e sportivi.
Ma se ci limitassimo a valorizzare il nostro cultural heritage, il patrimonio che ci hanno lasciato le generazioni da secoli e secoli, non daremmo alcun contributo, pur se modesto, per aggiungere a quel patrimonio  altre testimonianze che erediteranno le generazioni a venire.

Così, abbiamo pensato di far vivere questo nostro importante patrimonio storico e artistico anche con l’opera degli artisti di oggi: questo è il background di FAN, il Navigli Acqua Festival, che vuole  portare le più diverse espressioni di arte contemporanea in un contesto storico e monumentale importante come quello del Naviglio Grande. Un ossimoro? Forse. Ma sarà un ossimoro gioioso.

Dal 4 al 21 aprile ospiteremo nella lounge ormeggiata in Alzaia Naviglio Grande, in prossimità dell’Approdo dello Scodellino, performances di street artists, cracking art, fotografia ed altre forme di espressioni artistiche contemporanee, e avremo laboratori curati da docenti del Politecnico e della Columbia University, ma anche da Fondazione Accademia Teatro alla Scala e NABA. Ci sarà anche un concorso per video maker curato da Fondazione Cineteca Italiana, che proporrà una sorta di caccia al tesoro chiedendo ai partecipanti di individuare alcune locations sui Navigli attraverso i frames di film celebri, e di rivisitarle con una loro ottica originale. 
Oltre all’Alzaia Naviglio Grande in Milano coinvolgeremo altre zone della città lungo la Martesana ed anche alcuni Comuni rivieraschi (ad esempio, a Vaprio d’Adda e proprio in prossimità di Villa Melzi dove Leonardo da Vinci soggiornò a lungo, un gruppo di studenti del Politecnico sarà impegnato in un workshop residenziale).

L’Agenda di FAN è così ricca di proposte che è difficile riassumerla: ma basta un click e si può andarla a vedere tutta intera…